🖼️ Consumo ostentativo e pandemie

Una cosa che sto notando ultimamente è che la pandemia sembra stia quasi azzerando, o quantomeno limitando, quel fenomeno noto come virtue signaling ed il suo parente più stretto, il consumo ostentativo. Ed è ancora più evidente sui social network.

Il consumo ostentativo, detto anche consumo vistoso (in inglese: conspicuous consumption), secondo la teorizzazione formulata dal sociologo Thorstein Veblen nel saggio del 1899 sullo stile di vita delle classi agiate statunitensi, è quel comportamento sociale che si esprime nella volontà di acquisto di beni e merci (ma anche di fruizione di servizi) che, in modo consapevole, assolvono alla funzione di esibire e rendere evidenti le differenze di status. In questo senso, viene anche definito come consumo posizionale (ingl: positional consumption), proprio con riferimento alla funzione di segnalatore della propria posizione economico-finanziaria.

Con il venir meno di viaggi, resort extra lusso, barche, gioielli, feste, abiti firmati, ristoranti stellati e di tutte quelle occasioni mondane alle quali si era soliti partecipare, anche l’invio di segnali di ricchezza e benessere diventano sempre più rari. E ci vorrà ancora un po’ prima di tornare alle vecchie abitudini.

Ma il conspicuous consumption non è scemato del tutto, ci mancherebbe. Le restrizioni causate dal Covid l’hanno solo rimodellato.

I resort di lusso lasciano il posto ai barbeque con gli amici o ai bagni in piscina (di casa), dove prima c’erano le palestre alla moda ora ci sono le cyclette della Peloton, lo specchio intelligente Mirror o la palestra domestica. E laddove non sia ancora possibile cenare in un ristorante stellato, puoi comunque ordinare il pasto online e fartelo portare a casa (anche se poi i piatti te li devi riscaldare da solo).

In questo report della SOM Politecnico di Milano viene evidenziato come le restrizioni causate dai lockdown stanno modificando alcuni comportamenti d’acquisto:

  • la pandemia sta impattando soprattutto le spese superflue per quel segmento di consumatori che hanno una capacità di spesa elevata ma non altissima (HENRY — High Earning, Not Rich Yet) e quindi più tentati a mostrare uno status sociale ed economico superiore (tra l’altro il Covid sta creando un divario ancora maggiore tra i più ricchi ed i meno abbienti);
  • Il luxury travel è uno dei settori messi più a dura prova, così come quello del retail in città come New York, Parigi o Milano, legate a doppio filo con lo shopping straniero di lusso;
  • Aumentano le esperienze edonistiche e l’acquisto di quei prodotti volti a soddisfare il bisogno di coccole personali come prodotti di bellezza, home fitness e home wellness.
  • C’è maggiore attenzione verso la spesa consapevole e prodotti locali.

Ma mentre Veblen si concentrava sul consumo ostentativo dei più ricchi, il fenomeno è di portata più ampia: la ragazza che indossa la t-shirt del designer di nicchia si sente cool perché ha gusti insoliti e ricercati, o il ragazzino che mostra orgoglioso i video fatti col drone iper-tecnologico.

Tutto è diventato una questione di segnali e noi stessi ne inviamo continuamente (ed inconsapevolmente). Quando pensiamo e diciamo che facciamo qualcosa per una ragione specifica, in realtà c’è un motivo egoistico nascosto: mettere in mostra il nostro status sociale ed aumentare la nostra social proof.

Purtroppo spendiamo così tanto tempo e risorse nell’invio di segnali, che spesso perdiamo di vista ciò che ci rende veramente felici. Ma il trend sta cambiando. TikTok è uno spaccato fedele di quel che si sta verificando da qualche mese a questa parte: le foto patinate su Instagram interessano sempre meno, e più che quello che sei e che hai, colpisce più quali sono i tuoi valori e come puoi intrattenere il tuo spettatore.

E così il 2021 potrebbe rappresentare finalmente un cambio di rotta rispetto al passato, e trasformare il consumo ostentativo in consumo coscienzioso.

Il nuovo anno sarà all’insegna dell’attenzione ad inclusione e consapevolezza ambientale e sociale: la preoccupazione dei nuovi consumatori in riferimento a sostenibilità e questioni sociali è destinata ad aumentare ulteriormente. E dal momento che sono temi molto cari alla Generazione Z: i marchi più illuminati dovranno ripensare al ciclo di vita del prodotto end-to-end, tenendo proprio conto di questa nuova filosofia.

Per approfondire: il libro di Philip Kotler è quanto di più thought provoking ci possa essere sul tema: Brand Activism. Dal purpose all’azione.

📥 I ragazzi più giovani sanno come si invia un’email? Scrivere un’email correttamente e universalmente comprensibile non è impresa facile nemmeno per chi è nato per comunicare sul web.

🚜 Bill Gates diventa il più grande proprietario di terreni agricoli d’America. E in tanti si iniziano ad interrogare su quali siano i suoi programmi.

📈 TikTok è diventata l’app più scaricata nel mondo. E sta superando anche Facebook per ore per utente ogni mese. Con i dati di App Annie State of Mobile Report 2021 è ora ufficiale. Altre statistiche degne di nota: l’applicazione nella quale in Italia si fanno più acquisti in-app è DAZN, mentre nel resto del mondo è Tinder.

🏙️ Vivere in una grande città è obbligatorio se vuoi lavorare nell’industria creativa? Se lo chiede i-D di Vice. É possibile affermarsi come creativi ovunque?

👔 Quali saranno i lavori emergenti del 2021? Ecco quelli che saranno più richiesti quest’anno, secondo Forbes.

🐦 Se da una parte è impegnata nella lotta contro i suprematisti bianchi, dall’altra Twitter investe acquisendo la startup di social podcasting Breaker, che le consentirà di espandersi nel settore dell’audio e far concorrenza a Clubhouse (che ancora deve sbarcare in Italia).

💡 Per avere grande idee e stimolare la propria creatività bisogna seguire alcuni semplici accorgimenti. In questo articolo vengono raccolti i consigli più utili.

📖 LinkedIn Marketing Labs è un bundle di 6 corsi on-demand completamente gratuiti su come fare advertising su LinkedIn. Qui invece la guida definitva (11 minuti di lettura) su come crescere su Linkedin in modo organico.

💯 Kevin Kelly affermò che per vivere dignitosamente grazie alle proprie capacità, siano necessari 1000 True Fans che ti supportano e sostengono economicamente ogni anno. Ma secondo Li Jin potrebbero bastarne anche solo 100.

⚙️ Quora può rappresentare un ottimo canale inbound, ma a volte è difficile trovare domande a cui valga la pena rispondere. Per risolvere questo problema, seguite i consigli presenti su questo thread di Davis Baer su Twitter. (ndr: per l’Italiano si può utilizzare questa stringa: site:it.quora.com keyword “1 risposta” — dove keyword va sostituito con la parola chiave di interesse).

📕 Attraverso 12 punti chiave, il designer Virgil Abloh con FREE GAME fornisce tutte le nozioni necessarie per creare il proprio brand. Tra brevi descrizioni e approfonditi tutorial, insegna in modo del tutto gratuito, come dare vita ad un proprio marchio, partendo dall’importante scelta del nome alle istruzioni per ottenere un copyright, fino a come utilizzare i programmi di Adobe e aprire un e-commerce.

🔠 Se anche tu hai una malcelata perversione per i font come me, qui ne troverai più di 1000 e (quasi) tutti completamente gratuiti.

Sendfox

Sendfox è l’alternativa economica a Mailchimp o Convertkit per inviare newsletter. Fino a 5000 iscritti con il piano base. Incluse automazioni, forms e integrazioni con tool di terze parti. In offerta Lifetime a 49$ anziché 240$.

Scopri ↗︎

Funnelytics

Il tool perfetto per ideare, mappare e progettare i tuoi funnel di vendita in modo visuale.

Scopri ↗︎

Veed.io

Una delle piattaforme più semplici da usare se vuoi creare dei brevi video per il tuo business. Non aspettatevi grossi effetti speciali.

Scopri ↗︎

Leave a Reply